Lidia Amejko
Farrago
Titolo originale: Farrago, 1997
Traduzione dal polacco e introduzione di Lorenzo Pompeo e Grzegorz Kowalski, introduzione di Lorenzo Pompeo
eSamizdat 2004 (II) 1, pp. 129-137
Scarica il Pdf solo di questa traduzione
[Dall'incipit dell'introduzione]
"La drammaturgia metafisica di Lidia Amejko", eSamizdat 2004 (II) 1, p. 129
Lidia Amejko, nata nel 1955 a Wrocław, ha debuttato nel 1987 sulle pagine della rivista Odry presentando dei propri racconti come traduzioni inedite di testi di Borges. Al 1993 risale il radiodramma Gdy rozum spi - włącza się automatyczna sekretarka. Rzecz o gadaniu [Quando la ragione dorme, si accende la segreteria telefonica. Disquisizione sulle chiacchiere] costruito su una sequenza di messaggi lasciati su una segreteria telefonica. Il successivo dramma Męka Pańska w butelce [La passione in bottiglia], ambientato in una discarica, è uscito nel 1995 su Dialog, storica rivista della drammaturgia polacca ed è stato tradotto in inglese nel 1997 in occasione della partecipazione dell'autrice a un seminario di scrittura tenuto all'Università dello Iowa, negli Stati Uniti. In questo dramma appaiono due personaggi, Gumajka, una barbona che rovista nell'immondizia, e Uriel da Costa, filosofo materialista ebreo vissuto nel XVII secolo tra il Portogallo e Amsterdam, reso celebre dall'omonima opera pubblicata nel 1847 dal drammaturgo tedesco Karl Gutzkow (1811-1878). Nella prima parte del dramma da Costa è originalmente impersonato da una barra di ferro con cui Gumajka rovista nell'immondizia; rimestando tra i rifiuti con la sua barra, Gumajka trova una bottiglia dalla quale fuoriesce il Golgota; nella scena del Golgota due legionari discutono sulla verità e sull'arte; nel finale Gumajka si sveglia da un sogno e trova accanto a sé Uriel in carne e ossa, venuto a riprendersi, prima di ritornare nell'Amsterdam del XVII secolo, la barra che aveva impersonato la sua anima. Guamajka decide di seguirlo e con la promessa di una futura felice vita coniugale si chiude la pièce. Una versione italiana di questo dramma è stata presentata anche a Roma, in una delle due serate di una breve rassegna di drammaturgia polacca da me ideata e organizzata il 30 e il 31 marzo del 2000 presso la sede dell'Istituto polacco. In questa occasione è stato presentato Farrago, a sua volta pubblicato nel 1997 e rappresentato in vari teatri polacchi. L'autrice ha poi pubblicato nel 2001, sempre su Dialog, la pièce Nondum e, nel 2003, la raccolta di racconti Głośne historie [Storie rumorose], che rappresenta il suo debutto in volume e nel quale sono ripresi molti temi e suggestioni presenti anche nei lavori teatrali.
[...]












 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli