Danila Davydov, Stanislav L’vovskij, Irina Šostakovskaja, Kirill Medvedev, Dina Gatina, Andrej Sen-Sen'kov, Il'ja Kukulin, Dmitrij Kuz'min, Evgenija Lavut, Michail Gronas
I poeti di Vavilon
Traduzione dal russo e introduzione di Massimo Maurizio
eSamizdat 2004 (II) 2, pp. 187-204
Scarica il Pdf solo di questa traduzione
[Dall'incipit dell'introduzione]
“Uno sguardo sulla poesia del postconcettualismo russo”, eSamizdat 2004 (II) 2, pp. 187-191


Come anche alla fine del XIX secolo, l’ultima fin de siècle ci ha regalato una serie di autori particolarmente indicativi non soltanto delle nuove tendenze letterarie, ma anche di una voglia di poesia che, in Russia, sembra inestinguibile. Questa nuova generazione letteraria, che si raccoglie attorno alla rivista di Dmitrij Kuz’min (nato nel 1968) Vavilon”, viene definita molodye poety [giovani poeti], espressione che riporta alla poesia della fine degli anni ’50, quella definita da De Michelis gromkaja lirika Eccetto questa definizione, che in quanto tale è tendenziosa e non esaustiva, i poeti degli anni ’90 in comune con i loro predecessori hanno soltanto la volontà di proporre una lirica che potremmo definire civile (questo vale soltanto per alcuni di essi, e comunque essa non sfocia mai nella foga tribunizia di Evtušenko, tanto per citare il più noto rappresentante degli šestidesjatniki). L’espressione “predecessori” va intesa in senso temporale, dato che Evtušenko, Voznesenskij e compagni vengono visti dalla giovane generazione come gente asservitasi al potere, sebbene venga loro riconosciuto il merito (non potrebbe essere altrimenti) di aver in parte svecchiato la stantia poetica sovietica, venuta a noia, già negli anni ’50, a molti. Ripellino, nell’introduzione alla sua antologia Nuovi poeti sovietici scrive:
Come Evtušenko, Voznesenskij riflette i costumi e le aspirazioni dell’attuale gioventù russa. Anche lui imbastisce una serrata polemica contro i dogmatici, i talmudisti, i falsificatori. Il suo tema centrale è appunto quello del poeta offeso dai filistei e insidiato dall’ottusità dei burocrati. Ma, nell’aggredire i retrogradi, nel combattere i luoghi comuni che affliggono la società sovietica non ricorre mai alle formule dichiarative. La polemica è nei suoi versi immanente all’immagine, sempre dissolta nel giuoco dell’invenzione.
[...]












 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli