Cultural Studies
Articoli
"Realismo socialista e arti figurative: propaganda e costruzione del mito"
eSamizdat 2005 (III) 2-3, pp. 65-82
Scarica il Pdf solo di questo articolo [953 Kb]
[Dall'incipit dell'articolo]

L'arte ufficiale dei regimi totalitari è stata considerata per molto tempo quasi come un “corpo estraneo” nel contesto delle vicende artistiche del XX secolo, non meritevole di costituire oggetto di studio. Di conseguenza la cultura ufficiale di tali regimi è emersa paradossalmente dall'oblio solo da pochi anni e, anche se il termine “totalitarismo” viene comunemente usato sia per la Germania di Hitler che per l'Unione sovietica di Stalin, l'esistenza di uno stile comune a tutta l'arte totalitaria non è ancora stata ufficialmente ammessa.
[...]
 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli