Nina Kauchtschischwili
La funzione artistica dei nomi propri
eSamizdat 2004 (II) 3, pp. 121-128
Scarica il Pdf solo di questo articolo
[Dall'incipit dell'articolo]

Gli studi sull'antroponimia letteraria sono abbastanza numerosi, ma si tratta per lo più di lavori che esaminano la funzione dei nomi propri singolarmente, avulsa dalla complessità compositiva di un'opera artistica. Mancano, infatti, attualmente "studi d'impostazione generale per la ricerca dell'onomastica letteraria", come scrive A.F. Beringause nel 1968, presentando il fascicolo di Names interamente dedicato a questo problema. Sulla stessa questione era intervenuto dieci anni prima J.B. Rudnickyi, lamentando come tra gli studiosi di letteratura russa destassero poca attenzione gli studi di onomastica letteraria, assai diffusi in Occidente, e ciò nonostante l'importanza che il problema rivestiva nell'ambito della letteratura russa. Per colmare questa lacuna Rudnickyi aveva presentato uno schema che avrebbe potuto, nel suo intento, incoraggiare uno studio sistematico dell'argomento.



[...]










 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli