Archivio rivista
Le Sezioni
Le Info
Compagni di Strada
Immagini
2009 (VII) 1
* Alessandra Agostinelli, “Collezionisti italiani alla Biennale del dissenso: Franco Miele, Alberto Morgante e Alberto Sandretti”, pp. 239-288
[Versione PDF]
2008 (VI) 1
* “In Boemia non si potevano fare affari, quindi ci dedicavamo tutti all’arte”. Dialogo con Jan Reich, a cura di Alessandro Catalano, pp. 317-325
[Versione PDF]
2007 (V) 3
* “La fotografia è il mio dovere civile”. Silvia Burini dialoga con Boris Mikhailov, pp. 391-395
[Versione PDF]
2007 (V) 1-2
Sono nato da qualche parte, un giorno qualsiasi e sono ancora vivo. Ancora capace di tirare calci. A vent'anni ho lasciato la casa dei miei, affittando una stanza nel quartiere di Mahala. Sognavo di non dover mai abbandonare la mia città. Poi tutto è accaduto... Sono un po' dislessico e i miei occhiali di certo non mi danno un grande aiuto, forse perché sono stati fabbricati nella mia terra comunista e con loro sono capace soltanto di contemplare un luminoso futuro. Ebbene sì, sono nato sotto una stella davvero rossa. Ho girato parecchio. Mi ritengo fortunato, se paragonato a mia suocera. Non si è mai spostata, ma la sua casa è passata dall'Austria-Ungheria al Regno di Jugoslavia, per divenire parte dello stato indipendente di Croazia, poi è passata alla Repubblica socialista jugoslava, quindi alla Repubblica serba e ora si trova in Bosnia.

Pedrag Finci, Il libro dell'esilio
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli