Considerazioni introduttive a una caratterizzazione delle particelle enfatiche in russo
eSamizdat 2005 (III) 1, pp. 107-115
Scarica il Pdf solo di questo articolo [147 Kb]
[Dall'incipit dell'articolo]

Come è accaduto per le altre lingue europee, le grammatiche della lingua russa sono state realizzate sin dagli inizi settecenteschi sul modello e sulla struttura di quelle classiche, greche e latine (si pensi ad esempio all’opera di Lomonosov). Ciò ha comportato, in particolare, l’elaborazione di rigorose classificazioni dei vari elementi linguistici in classi (o parti) del discorso, che permettevano di ricondurre anche il russo ad una trattazione e un ordinamento sistematici; tali classificazioni, tuttavia, si adattavano solo parzialmente alle caratteristiche morfologico-sintattiche e lessicali della lingua.
[...]











 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli